"The Selection" di Kiera Cass.

Chi non ha mai sognato il principe azzurro? 
Chi, da piccola, guardando le fiabe Disney ha sperato 
nel futuro di trovare il suo personale principe? 

Se la risposta ad entrambe le domande è stata "Io", vi consiglio la lettura di questo romanzo YA/distopico dell'autrice americana Kiera Cass. Apripista della saga della "selezione", l'ho letto in pochi giorni e - nonostante le critiche non proprio positive lette precedentemente sul web - dopo uno scambio ''non programmato'', devo dire che mi è piaciuto. Forse non è veramente un distopico con la D maiuscola, ma si è fatto leggere senza problemi: abbandonata la lotta per la sopravvivenza che ho adorato in Hunger Games & Divergent, qui troviamo la lotta per nientepocodimenoche il cuore del principe. Ogni tanto sognare fa bene...


Titolo: The Selection
Saga: The Selection #1
Autore: Kiera Cass
Pagine: 298
Edizione: Sperling & Kupfer
ISBN: 9788820053987
Prezzo: € 17,90
Genere: YA - distopico
Voto: 3/5

Trama: Molti anni dopo la Quarta guerra mondiale, in un Paese lontano, devastato dalla miseria e dalla fame, l'erede al trono sceglie la propria moglie con un reality show. Spettacolare. Così, per trentacinque ragazze la Selezione diventa l'occasione di tutta una vita. L'opportunità di sfuggire a un destino di fatica e povertà. Di conquistare il cuore del bellissimo principe Maxon, e di sognare un futuro migliore. Un futuro di feste, gioielli e abiti scintillanti. Ma per America Singer è un incubo. A sedici anni, l'ultima cosa che vorrebbe è lasciare la casa in cui è cresciuta per essere rinchiusa tra le mura di un palazzo che non conosce ed entrare a far parte di una gara crudele. In nome di una corona - e di un uomo - che non desidera. Niente e nessuno, infatti, potrà strapparle dal cuore il ragazzo che ama in gran segreto: il coraggioso e irrequieto Aspen, l'amico di sempre, che vorrebbe sposare più di ogni altra cosa al mondo. Poi, però, America incontra il principe Maxon, e la situazione si complica. Perché Maxon è tutto ciò che Aspen non sarà mai: affascinante, gentile, premuroso e immensamente ricco. E può regalarle un'esistenza che lei non ha mai nemmeno osato immaginare...

Grazie anche alle cover meravigliose scelte per la trilogia, questa saga mi aveva incuriosita fin dall'uscita nelle librerie, ma scoraggiata dai non rosei giudizi di molti lit-blog, avevo accantonato l'idea di comprarlo, lasciando spazio all'acquisto di libri con giudizi molto più entusiastici. A parte questa premessa, The Selection - come dicevo prima - è stata una lettura abbastanza piacevole e scorrevole.


Siamo in un' America del futuro suddivisa in caste numerate dove la Uno è la famiglia reale e così via, ribattezzata Illéa, dove 35 ragazze vengono selezionate per partecipare ad un reality show che darà la possibilità ad una di loro di sposare l'ovviamente bello e ovviamente ricco principe Maxon. La protagonista, la rossa America, è reticente a partecipare alla Selezione ma, nonostante sia già innamorata di un'altro ragazzo - il rude e affascinante Aspen - dovrà accontentare la sua famiglia, sopratutto la madre, e candidarsi. America non solo verrà scelta per far parte delle 35 fortunate ragazze, ma scoprirà che il principe non è ciò che lei pensava fosse...

La narrazione è veloce e non la tira per le lunghe. Pecca però sull' utilizzo di molti vocaboli troppo da "linguaggio verbale giovanile" e le poche descrizioni delle ragazze impegnate nella sfida, anzi avrei anche apprezzato qualche bisticcio in più tra le candidate, ma tutto sommato è una storia carina che ti fa leggere un capitolo dopo l'altro. Si salva perchè dopo tante letture distopiche con morti e feriti, The Selection è una boccata d'aria fresca... 

...anche se mi aspettavo 
qualcosa in più di meno banale!
(come il principe che si innamora immediatamente delle più anonima delle ragazze)

Commenti

  1. A me questo libro è piaciuto,voglio dire non è stato niente di strabiliante,però nel complesso l'ho trovato molto piacevole e scorrevole. Ho già acquistato the Elite,non l'ho ancora letto pur avendolo comprato lo stesso giorno in cui è uscito in italia ma tralasciamo...(ho decisamente troppi libri da leggere e ovviamente ne continuo a comprare) tra le altre cose mi hanno demoralizzata un sacco le recensioni del seguito di the Selection perché un sacco di persone hanno detto che è stato un libro inutile perché Cassia non prende nessuna decisione senza tralasciare il fatto che The Elite rispetto al libro precedente è davvero piccolo! quindi un sacco di persone hanno detto che sarebbe stato più sensato fare solo un secondo libro conclusivo e basta invece di scriverne tre...ad ogni modo leggerò il seguito al più presto! complimenti per la recensione! ti va di passare sul mio blog? www.thebooksfeeling.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te :) grazie del commento, passerò sicuramente nel tuo blog!

      Elimina

Posta un commento

Lascia un segno del tuo passaggio ;)

Post più popolari