"Andiamo al cinema?" #33 (MazeRunnerIlLabirinto)

Mi vergogno. Mi vergogno perchè è il secondo film in un anno che guardo al cinema, senza aver letto prima il libro... ma recupererò a fine mese con Scrivimi Ancora (Love, Rosie).

Quest'oggi vi parlerò della visione di "Maze Runner - Il Labirinto", tratto dal romanzo di James Dashner, primo capitolo della serie The Maze Runner, formata da quattro romanzi ambientati in un futuro post apocalittico distopico.

Maze Runner - Il Labirinto. Un film di Wes Ball. Con Dylan O'Brien, Kaya Scodelario, Thomas Brodie-Sangster, Will Poulter, Patricia Clarkson. Uscita italiana 8 ottobre 2014.

Trama: Thomas, senza ancora sapere o ricordare di chiamarsi così, si ritrova intrappolato in un ascensore che sale verso l'alto per arrivare alla Radura. Lì incontra altri ragazzi che come lui non ricordano nulla del proprio passato e che hanno fondato una piccola comunità con le sue regole. La numero 1 dice che non si può uscire dalla Radura: intorno ad essa si snoda il Labirinto, popolato dai letali Dolenti, a cui nessuno è mai sopravvissuto.

Ho scoperto solo qualche minuto fa che questo è il film di debutto alla regia di Wes Ball - il quale ha sempre lavorato agli effetti speciali - e da piccola divoratrice ultimamente di film e libri distopici devo dire che ha avuto un bell'inizio!
Non avendo letto il romanzo - argh! - il mio giudizio è puramente visivo. Gli attori - tutti molto giovani o con all'attivo serie tv e qualche film per il cinema o la tv - non sono eccezionali (a parte Dylan O'Brien che ho imparato ad amare grazie a Teen Wolf!) però hanno quella freschezza, quella novità che a un film del genere (il quale dovrà sempre fare i conti con Hunger Games e Divergent) può solo che far bene.
Il film si apre con il protagonista - Thomas - che si sveglia in un montacarichi che sta salendo e lo sta portando non sa dove... al capolinea troverà un gruppo di ragazzi che lo attendono. Sì, lo attendono perchè ogni mese un nuovo ragazzo arriva nella Radura, un'enorme distesa di verde circondata da boschi e mura invalicabili: le mura di un labirinto.
Mentre i ragazzi della comunità - i quali hanno creato una piccola civiltà senza cattiveria, ma con semplici regole - gli vietano di fare domande sul labirinto, Thomas vuole sapere, è curioso, e la sua curiosità porterà ad una serie di eventi che cambieranno le regole nella Radura.
Lui conquisterà degli alleati - dopo l'arrivo di una ragazza, Teresa, l'unica di sesso femminile ad essere mai arrivata nella Radura - e riuscirà ad arrivare alla fine del labirinto, sconfiggendo anche i mostri che lo popolano, chiamati Dolenti dai ragazzi, e a scoprire che tutti loro erano parte di un esperimento...
La prima parte del film devo ammettere che è stato un po' confusionaria, nel senso che in un'ora ci sono stati tanti eventi e tante scoperte, ma la seconda parte ha dato a tutto un senso logico e ha portato alla scoperta finale, una conclusione... che non è una conclusione.
Cosa accadrà nel secondo film? Dove i sopravvissuti tra i ragazzi della Radura si troveranno?
Dovranno combattere contro chi e per che cosa?

Tante domande di cui non vedo l'ora
di avere le risposte...

Commenti

Post più popolari