"Andiamo al cinema?" #37 (AmericanSniper)

Come avevo anticipato nel mio post Waiting for... 2015' Movies ieri sera sono andata al cinema - come sempre accompagnata dal mio moroso - a vedere il primo film di questo nuovo anno, ovvero American Sniper... un film che meriterebbe l'Oscar, secondo me!

American Sniper è un film di Clint Eastwood. Con Bradley Cooper e Sienna Miller. Uscita italiana 1° gennaio 2015.

Trama: Chris Kyle, texano che cavalca tori e non manca un bersaglio, ha deciso di mettere il suo dono al servizio degli Stati Uniti, fiaccati dagli attentati alle sedi diplomatiche in Kenia e in Tanzania. 
Arruolatosi nel 1999 nelle forze speciali dei Navy Seal, Kyle ha stoffa e determinazione per riuscire e ottenere l'abilitazione. Perché come gli diceva suo padre da bambino lui è nato 'pastore di gregge', votato alla tutela dei più deboli contro i lupi famelici. Operativo dal 2003, parte per l'Iraq e diventa in sei anni, 1000 giorni e quattro turni una leggenda a colpi di fucile. Un colpo, un uomo. Centosessanta uomini abbattuti (e certificati) dopo, Chris Kyle torna a casa, dalla moglie, dai bambini e dai reduci, a cui adesso guarda le spalle dai fantasmi della guerra del Golfo. Una dedizione che gli sarà fatale.

Adattamento cinematografico del libro autobiografico "American Sniper: The Autobiography of the Most Lethal Sniper in U.S. Military History", il film racconta la vita di Chris Kyle, un texano che sa picchiare, sparare e ha molta rabbia dentro di sé, rabbia che vuole far uscire difendendo il suo Paese, l'America - "il paese più bello del mondo" - e decide così di arruolarsi e diventare un Navy Seal, più precisamente un cecchino.
Parte così per quattro turni in Iraq, lasciando una moglie e due figli a casa, che hanno sempre la speranza di rivederlo tornare a casa... per restarci.
Due ore e 15 minuti di film che ti lasciano incollato allo schermo, non riesci a togliere lo sguardo dallo sguardo del cecchino; segui i suoi pensieri, le sue decisioni, la sua mira. Sei su un tetto assieme a lui. Sei in mezzo ad una tempesta di sabbia e scappi insieme a lui.
Questo è il primo film che ho visto del regista ottantenne Clint Eastwood e adesso me ne sono pentita sia stato l'unico, perchè "American Sniper" è un grande film; dovrei recuperare la visione di altri suoi grandi film, Lettere da Iwo Jima e Gran Torino.
Bradley Cooper è maledettamente vero in questo ruolo: sente il peso dei colpi e dalle scelte che fa il suo personaggio ed espone le allucinazioni che la guerra offre ai soldati una volta a casa, compresa l' ingenuità di un soldato che sogna un mondo perfetto, attraverso la guerra.
A fine film si vedrà - attraverso un'omaggio - la somiglianza di Bradley Cooper con il vero cecchino Kyle - soprannominato "La leggenda" - una leggenda diventata davvero.

"Ci sono tre tipi di persone: 
le pecore, i lupi e i cani pastore."

Commenti

Post più popolari