"Io prima di te" di Jojo Moyes.

Aspettando il film che vedremo sul grande schermo a giugno 2016 con protagonista Sam Claflin ed Emilia Clarke, piccola recensione di "Io prima di te" romanzo della scrittrice inglese Jojo Moyes.

Titolo: Io prima di te
Autore: Jojo Moyes
Pagine: 391
Edizione: Mondadori - collana Omnibus
ISBN: 9788866210818
Prezzo: € 14,90
Genere: Contemporaneo / romance
Voto: 5/5

Trama: A ventisei anni, Louisa Clark sa tante cose. Sa esattamente quanti passi ci sono tra la fermata dell'autobus e casa sua. Sa che le piace fare la cameriera in un locale senza troppe pretese nella piccola località turistica dove è nata e da cui non si è mai mossa, e probabilmente, nel profondo del suo cuore, sa anche di non essere davvero innamorata di Patrick, il ragazzo con cui è fidanzata da quasi sette anni. Quello che invece ignora è che sta per perdere il lavoro e che, per la prima volta, tutte le sue certezze saranno messe in discussione. A trentacinque anni, Will Traynor sa che il terribile incidente di cui è rimasto vittima gli ha tolto la voglia di vivere. Sa che niente può più essere come prima, e sa esattamente come porre fine a questa sofferenza. Quello che invece ignora è che Lou sta per irrompere prepotentemente nella sua vita portando con sé un'esplosione di giovinezza, stravaganza e abiti variopinti. E nessuno dei due sa che sta per cambiare l'altro per sempre. "Io prima di te" è la storia di un incontro. L'incontro fra una ragazza che ha scelto di vivere in un mondo piccolo, sicuro, senza sorprese e senza rischi, e un uomo che ha conosciuto successo, la ricchezza e la felicità, e all'improvviso li ha visti dissolversi, ritrovandosi inchiodato su una sedia a rotelle. Due persone profondamente diverse, che imparano a conoscersi senza però rinunciare a se stesse, insegnando l'una all'altra a mettersi in gioco.

Si potrebbe dire che i protagonisti di questo toccante romanzo sono due: Louisa, una giovane ragazza che ha perso da poco il lavoro, e Will, un ragazzo che ha perso molto di più.
Il POV è di Louisa ma si leggeranno anche capitoli narrati da personaggi secondari che hanno comunque una certa importanza nella vita dei protagonisti.
Lei trova lavoro nella villa di lui e lui, beh, non è un "datore di lavoro" molto semplice da gestire.
Will, in seguito ad un incidente, ha perso l'uso delle gambe e delle braccia, è diventato tetraplegico e ciò lo ha reso indifferente alla vita.
Louisa, con i suoi vestiti strani e il suo modo di vivere frizzante, cercherà in tutti i modi di far ritrovare la felicità a quell'uomo che non ha più nulla di cui essere felice.
La scrittrice con un modo fresco, diretto e commovente racconta la storia di questi due giovani così diversi che troveranno, in sei mesi, la forza di amarsi... ma che purtroppo non sarà abbastanza per uno dei due. Perché se ami qualcuno devi lasciarlo andare. E Louisa si troverà davanti a questa scelta che dovrà fare, come ultimo gesto di amore per Will.
Un romanzo consigliato, diverso da quelli a cui sono abituata, ma che mi ha toccata nel profondo. Una brava scrittrice da tenere sott'occhio e di cui recuperare tutti i romanzi.

''Vivi bene. 
Semplicemente, vivi.''

Commenti

Post più popolari