"Andiamo al cinema?" #78 (LaBattagliaDiHacksawRidge)

Sì, io passo da film come "50 sfumature di nero" a film come questo di cui voglio parlarvi.
"La battaglia di Hacksaw Ridge" è un film di Mel Gibson che è stato candidato a ben 6 premi Oscar: Miglior Film, Miglior Attore Protagonista, Miglior Regia, Miglior Montaggio, Miglior Montaggio Sonoro, Migliori Effetti Sonori.

Un film tratto da una storia vera, ambientato durante la seconda guerra mondiale, appena dopo l'attacco a Pearl Harbor. Come protagonista troviamo Andrew Garfield - lo ricorderete sicuramente nel reboot di "Spiderman" - che interpreta il soldato Desmond T. Doss, il primo obiettore di coscienza che vinse la medaglia d'onore del Congresso, la più alta onorificenza militare, per aver salvato 75 uomini come medico militare che "non tocca le armi".

"Hacksaw Ridge", un film di Mel Gibson con Andrew Garfield, Teresa Palmer, Hugo Weaving, Rachel Griffiths, Luke Bracey, Vince Vaughn, Sam Worthington, Nathaniel Buzolic.
Uscita italiana: giovedì 2 febbraio 2017.

Trama: Desmond Doss, cresciuto sulle montagne della Virginia e in una famiglia vessata da un padre alcolizzato, decide di arruolarsi e di servire il suo Paese. Ma Desmond non è come gli altri. Cristiano avventista e obiettore di coscienza, il ragazzo rifiuta di impugnare il fucile e uccidere un uomo. Fosse anche nemico. In un mondo dilaniato dalla guerra, Desmond ha deciso di rimettere assieme i pezzi. Arruolato come soccorritore medico e spedito sull'isola di Okinawa combatterà contro l'esercito nipponico, contro il pregiudizio dei compagni e contro i fantasmi di dentro che urlano più forte nel clangore della battaglia.

Desmond è un ragazzo di fede, ma è anche un soldato. Un soldato che decide di arruolarsi come medico militare per poter salvare più persone possibili. Senza fucile.
Lui è il primo obiettore di coscienza, ma non decide di rimanere a casa, nonostante non possa difendersi senza un fucile, va sul campo di battaglia.
La strada non sarà semplice perchè dovrà combattere, non solo contro i giapponesi che sono il vero nemico, ma anche contro i pregiudizi dei suoi compagni di camerata che lo vedono come un vigliacco capitato per caso in questa battaglia.
Eppure Desmond armato solo della sua incrollabile fede e sostenuto dall'amore della sua ragazza, riuscirà a combattere senza armi, restare in vita e a salvare ben 75 soldati, da solo, calandoli con delle corde, lungo una parte altissima.
Un film commovente, con delle scene di guerra un po' crude - se soffrite alla vista del sangue dovrete coprirvi qualche volta gli occhi - ma un grande film dove ancora una volta, nelle storie portate sul grande schermo da Gibson, il protagonista è un eroe.


“Ti prego, 
fammene trovare ancora uno."

Commenti

Post più popolari